Croce Rossa per l’ambiente

Decalogo M'illumino di Meno 2018
Decalogo M'illumino di Meno 2018

M’illumino di meno: progetti ed eventi da non perdere

Croce Rossa Italiana, anche quest’anno aderisce con entusiasmo a M’illumino di meno, la campagna ideata e promossa da Caterpillar, programma di Radio2, giunta ormai alla sua tredicesima edizione. Lo scopo è quello di educare e sensibilizzare i cittadini sul tema del risparmio energetico e della salvaguardia del pianeta, non solo attraverso il momentaneo spegnimento di piazze e monumenti, ma anche e soprattutto con azioni e comportamenti concreti e quotidiani, che seppur piccoli possono fare la differenza. Quest'anno il tema di M'illumino di meno è Con i piedi per terra, per questo i comitati CRI di tutta Italia invitano, non solo il 23 febbraio, ad un maggior impegno nel camminare e far camminare, allo scopo di aiutare non solo l'ambiente, ma anche noi stessi.

In Emilia Romagna sono tante le iniziative e gli eventi dedicati alla campagna, che avranno luogo tra giovedì 22 a domenica 25 febbraio e che vedono impegnati tanti volontari e Giovani CRI desiderosi di fare la differenza.

GLI EVENTI - Nel Comitato di Modena i Volontari si sono già attivati da domenica 18, dove hanno girato dei video per l’evento, che tutti i giorni, fino a venerdì 23, vengono pubblicati sui canali Social Media.
Per i Volontari di Pontetaro, le iniziative sono partite oggi, giovedì 22, dove la scuola media di Fontevivo (PR) ha ospitato un incontro sul tema del cambiamento climatico, che ha visto come interlocutori i ragazzi di terza.

Ma è con il sopraggiungere del week end che si entra nel vivo della campagna.
Il 23, il Comitato CRI di Forlì, in piazza Saffi, a partire dalle 16.00, si occuperà della diffusione di buone norme per diminuire l'inquinamento, attraverso un quiz ricco di curiosità per gli adulti e un laboratorio creativo rivolto ai più piccoli. I bambini potranno creare con mano delle lanterne, utilizzando materiali di recupero, per dar vita ad un vero e proprio cielo stellato.
In serata, invece, i Giovani CRI Forlì, in collaborazione con CRI Ravenna, si rivolgeranno ai propri colleghi, invitandoli a riflettere sui danni causati dall'inquinamento luminoso, durante una suggestiva visita  all'osservatorio astronomico.
A Riccione (RN) i Volontari apriranno un laboratorio per i bambini dagli 8 ai 13 anni, e alle 18.00 cammineranno in paese invitando allo spegnimento dei consumi energetici e ad una riflessione sul fenomeno del Cambiamento Climatico.
Anche a Imola (BO) le attività prenderanno il via in serata, dalle 20.00 alle 21.00 verranno spente alcuni luci di piazza Matteotti con un flash mob con flambeaux e successiva distribuzione di materiale informativo dell’evento.
A Fontanellato (PR) i Volontari della Croce Rossa, in collaborazione con alcuni negozi interni alla Rocca Sanvitale, organizzeranno una camminata per il Paese alle ore 20.00, spegnendo le luci dei negozi.
Sabato 24, invece, il Comitato di Reggio Emilia vi aspetterà in piazza Prampolini, dalle ore 16.00, con un percorso fotografico che invita ad aprire gli occhi sulla salute del pianeta, al quale seguirà una fiaccolata nelle vie del centro.
Domenica 25 i Volontari della Croce Rossa di San Secondo (PR), invitano alla partecipazione di un incontro informativo alle ore 16.30 in sede CRI, parlando di risparmio energetico e sostenibilità con successivo spuntino e camminata nel paese, con diverse tappe tra locali coinvolti.

 
 

 

EARTH FIRST - Ogni giorno, ognuno di noi si batte per qualcosa, c'è chi lavora sodo per crescere i propri figli o studia per realizzare un sogno, chi lotta per la difesa degli animali e chi contro i femminicidi. C'è anche chi fa di tutto per erigere muri, tenere lontano il diverso che fa paura, pensando di far del bene. Ma c'è una causa che dovrebbe accomunare tutti, al di là della fede religiosa, politica, della battaglia che stiamo combattendo: la difesa della Terra. Siamo cittadini di un unico pianeta, fratelli nati della stessa Madre che ogni giorno, a causa di un inquinamento fuori controllo, muore. Non è troppo tardi, al grido di 'Earth First' possiamo scoprirci cittadini attivi pronti a cambiare le cose. "Il ruolo di Croce Rossa in questa campagna è sicuramente importante - spiega Elena Muratori, Coordinatore Attività rivolte alla Gioventù Regione Emilia-Romagna - possiamo fare molto, con le attività che i Comitati organizzano sul territorio portiamo attenzione a questo tema, troppo spesso sottovalutato, cercando di raggiungere tante persone ed essere efficaci, soprattutto per quel che riguarda la prevenzione e la sensibilizzazione dei giovani nelle scuole". Nel suo piccolo, ogni cittadino, può essere un eroe, salvare il pianeta ed è proprio da questo che nasce il desiderio di informare e formare al meglio i volontari CRI "è un obiettivo che ci siamo posti per il 2018 - spiega Muratori - molte attività, nel corso dell’anno, saranno rivolte all'interno dei Comitati proprio per aumentare la sensibilità sull'argomento".

 

Croce Rossa sfila tra coriandoli e allegria al Carnevale di Ravenna

Sfilata nelle strade di Ravenna
Sfilata nelle strade di Ravenna

I Volontari di Ravenna portano la storia della CRI nelle strade cittadine

Udite, Udite, nelle strade di Ravenna, domenica 4 febbraio, tra carri, coriandoli e festeggiamenti, ha
sfilato nientepopodimeno che Henry Dunant, colui che, con il suo libro-testimonianza Un Ricordo da Solferino, ha posto le basi per la nascita della Croce Rossa.

L’inaspettata ‘guest star’ era alla guida del carro ideato e realizzato dai Giovani e Volontari CRI di Ravenna che, per il secondo anno di fila, hanno deciso di partecipare ad un evento cardine della vita cittadina. Se ve lo siete perso, niente paura, l’evento si ripeterà domenica 11 febbraio nelle strade di Marina di Ravenna.

Dopo aver presentato, con successo, un carro dedicato al consumo consapevole e al tema del riciclo, quest’anno i volontari si sono messi nuovamente in gioco alla richiesta di realizzare un carro storico. E chi meglio di Dunant (interpretato da Lorenzo BaldiniResponsabile Logistica CRI Ravenna) per introdurre la storia dell’Associazione, presente sul territorio dal 1888? Intorno a lui tanti altri ragazzi, con divise storiche, un’ambulanza d’epoca fornita da CRI Lugo ed una moderna, in chiusura del corteo rosso e bianco.

"Abbiamo deciso di partecipare al Carnevale dei Ragazzi perché, essendo una manifestazione che coinvolge migliaia di persone di tutte le età, è la circostanza ideale per cercare di trasmettere un messaggio, seppur con la leggerezza che caratterizza i festeggiamenti - spiega Elena NalatoDelegata all'Obiettivo Strategico V (promozione dello sviluppo dei giovani e della cultura della cittadinanza attiva) CRI Ravenna Croce Rossa, infatti, una volta all’anno, può essere gioco, può essere scherzo, facendo sorridere e riflettere allo stesso tempo".

L'idea dei giovani volontari ha incontrato il favore del Presidente del Comitato Alberto Catagna, e tutti hanno lavorato sodo per trasformare in realtà il progetto iniziale, mettendo a disposizione tempo e materiali. "Ho cercato di supportare il più possibile i giovani, perché sono il cuore pulsante del Comitato - racconta Catagna e aggiunge - Ringrazio tutti i partecipanti, CRI Lugo e CRI Faenza per il loro prezioso contributo".

 
 
Henry Dunant interpretato da Lorenzo Baldini
Henry Dunant interpretato da Lorenzo Baldini

A Carnevale ogni Volontario vale

Giovani CRI non si sono imbarcati da soli in quest'avventura, ma hanno potuto contare sull'aiuto del gruppo clown Sorrisi Contagiosi, delle Parrocchie e Associazioni cittadine e del supporto di Giorgio Piccino, volontario e Responsabile Archivio Storico del Comitato che ha curato la scelta delle uniformi e ha coordinato gli allestimenti.

Sono tante le persone che si sono messe in gioco, che hanno fatto squadra per realizzare l’ambizioso progetto e mostrare ai propri concittadini non solo la storia della Croce Rossa, ma anche il presente, il cuore e lo spirito che ogni giorno ne alimenta le attività.

Non a caso, al volante dell'ambulanza storica è stato posto Lorenzo Berna, un giovanissimo Consigliere, come simbolo del cambiamento, di una CRI che cresce.

Alla guida del carro, invece, troviamo Lorenzo Baldini, un ragazzo pieno di entusiasmo che ha avuto l'onore di interpretare Dunant.
"Immagino che Henry Dunant sarebbe stato ben contento di guidare un carro in un contesto simile, tra la cittadinanza che festeggia il Carnevale in tempo di pace - ha commentato Baldini - Sarebbe sicuramente stato orgoglioso e stupito di vedere come Croce Rossa si sia sviluppata ed evoluta nel tempo e nei territori di quasi ogni nazione in modo capillare, in risposta ai bisogni delle persone - e ha aggiunto, entusiasta - Impersonare Dunant per me è stato un grande onore, anche se è servito un ombrello per evitare il diluvio di coriandoli lì davanti al carro!"

Ma la festa non è finita, domenica 11 febbraio lo spettacolo del Carnevale animerà le strade di Marina di Ravenna ed "Henry Dunant", i clown e i volontari CRI saranno di nuovo in prima linea, per regalare sorrisi e mostrare la storia dell'Associazione tra un lancio di coriandoli e una coltre di stelle filanti.

 
 

 

LA CITTÀ CHE CI PIACE / Una cerimonia a Ravenna per ringraziare i medici volontari di Croce Rossa

Ravenna, 02 dicembre 2017 - Ha avuto luogo presso la Sala Henry Dunant del Centro di Formazione della Croce Rossa di Ravenna, via Guaccimanni n.19, la cerimonia di conferimento dei riconoscimenti ai medici che hanno prestato servizio, al fianco dell’Ispettorato delle Infermiere Volontarie della Croce Rossa di Ravenna, presso l’ambulatorio per extracomunitari clandestini, attivo fin dal maggio 2001.

Alla presenza del Commissario della Croce Rossa Alberto Catagna e dell’Ispettrice delle infermiere volontarie S.lla Rita Trevisi, sono stati ringraziati per il lavoro svolto il Dr. Girolamo Fabbri, il Dr. Fransis Boulus e il Dr. Francesco Di Graci che hanno collaborato con dedizione e umanità nel prestare servizio sotto l’emblema di Croce Rossa.
Presenti le infermiere volontarie di Ravenna, quotidianamente impegnate nell’assistenza e nell’attività ambulatoriale, e i volontari di Croce Rossa, operativi nell’attività di accoglienza.
Tra gli intervenuti anche il Segretario Regionale della Croce Rossa Emilia Romagna Massimo Cavallone, che si è unito al ringraziamento per quanto negli anni si è fatto per la comunità ravennate, nell’intento di tutelare la salute e di migliorare le condizioni socio sanitarie della popolazione.

Con la pulizia di Foce Bevano Legambiente apre l'edizione 2017 di “Puliamo il Mondo”

La grande iniziativa di volontariato ambientale compie 25 anni e nel nostro territorio si svilupperà in attività rivolte alle scuole

 

“Per sostenere il mondo non serve essere un mito”. Questo lo slogan dell'edizione 2017, che vi invita a partecipare a “Puliamo il mondo”, la più grande iniziativa di volontariato ambientale che, nata a Sydney nel 1989, vede attivi ogni anno oltre 35 milioni di persone in circa 120 Paesi e che con questa edizione celebra 25 anni di impegno civile.

 

 

Puliamo il Mondo è un’iniziativa aperta a tutti, giovani, anziani, italiani e non, amministrazioni locali, imprese, scuole, uniti da un obiettivo comune: rendere pulito e vivibile il nostro territorio, liberando dai rifiuti e dall’incuria parchi, giardini, strade, piazze, fiumi e spiagge. Un piccolo gesto di grande valore educativo che contribuisce a sviluppare senso civico.

Quest'anno Legambiente Ravenna, insieme alla partecipazione del Comitato Croce Rossa Italiana di Ravenna e con il patrocinio del Comune di Ravenna e Comitato Cittadino di Lido di Dante, aprirà l'edizione 2017 con una pulizia alla Foce Bevano per domenica 17 settembre alle ore 15, con ritrovo al parcheggio antistante l'entrata della Pineta di Lido di Dante. Accompagnati dal Servizio di Vigilanza Ambientale di Legambiente, i volontari si impegneranno nella rimozione dei rifiuti presenti in quest'area di importante valore naturalistico, in particolare ripulendo alcuni spot occupati dalla Salicornia veneta, specie appartenente alla “Flora Regionale di interesse europeo”. 
Il Circolo Matelda di Legambiente Ravenna sarà poi impegnato nei fine settimana successivi in attività che coinvolgeranno diverse scuole del territorio. Dalle scuole primarie alle scuole secondarie, si discuterà con gli studenti della gestione dei rifiuti e dell'impatto del loro abbandono, per poi coinvolgerli in operazioni di pulizia nei dintorni della scuola, quindi sensibilizzandoli a prendersi cura dell'ambiente che tutti i giorni frequentano.
Ma non finisce qui: per la giornata di domenica 1 ottobre con ritrovo al parco della Pineta di Marina di Ravenna alle ore 9.30, insieme a Pro Loco di Marina di Ravenna, Auser, Persone in Movimento, Comitato Cittadino di Marina di Ravenna e Romania mare, il focus sarà dedicato alla pulizia degli stradelli retrodunali, che purtroppo a fine stagione, forniscono un triste quadro dell'inciviltà perseguita da alcune persone durante l'estate.

Stati Generali della Protezione Civile 27/05/2017 - Agli Stati Generali di Protezione Civile presenti, per rappresentare il Comitato di Ravenna, il Delegato Area Emergenza e i Referenti dei materiali di Protezione Civile della CRI di Ravenna. Il personale della Provincia di Ravenna, facente parte della Sala Operativa Provinciale CRI, entra a far parte della neo costituita Sala Operativa Regionale, potendo contare su mezzi e strumentazioni all'avanguardia e su personale formato con corsi di formazione su di diverse branche della Protezione Civile.

Un grande atto di generosità a favore di Croce Rossa Italiana

 

4/05/2017 - Questa mattina, alla presenza del Referente Provinciale dei Comitati della Croce Rossa della Provincia di Ravenna Alberto Catagna, delegato alle attività di Protezione Civile, si è ufficializzata la donazione di euro 1.000 da parte de La Campaza che ha fortemente voluto la destinazione 
"Sostegno e implemento strutture operative di Protezione Civile" al fine di poter contribuire all'acquisto di materiale durevole a disposizione delle zone attualmente colpite ma che sia anche a servizio della comunità ravennate in ogni esigenza. La donazione così destinata sarà seguita da necessaria e documentata rendicontazione al fine di poter rendere tangibile un gesto di generosità della popolazione tutta che ha supportato La Campaza in questa lodevole iniziativa.

 

La Croce Rossa tra i banchi di scuola: più di 700 giovani formati

 

15/03/2017 – Fin da gennaio, ogni mattina gli Istruttori e i Formatori di Croce Rossa, tra cui in prima linea le Infermiere Volontarie CRI, sono presenti nelle scuole del Ravennate per portare avanti diversi progetti legati alla tutela della salute e della vita e al supporto e inclusione sociale.

La formazione parte dalla più tenera età: presso la scuola elementare “Fantozzi” di San Pancrazio l’intervento formativo a misura di bambino ha coinvolto una classe seconda per parlare di tematiche quali umanità, solidarietà e volontariato ad integrazione di un importante lavoro già svolto dall’insegnante durante l’anno scolastico.

Presso le scuole medie “G. Novello” e ”Damiano”, la formazione alle classi terze ha trattato le tematiche del primo soccorso e della rianimazione cardio polmonare, con un ulteriore approfondimento sull’educazione alla salute inerente l’alimentazione (con presenza di Psicologa e Dietista) e l’utilizzo dei social network.

Le scuole superiori ITIS “N. Baldini” e Liceo Scientifico “A. Oriani” tratteranno invece quest’anno in modo approfondito la rianimazione cardio polmonare.

I progetti, portati avanti da Istruttori, Monitori e Formatori della Croce Rossa, sono resi possibili dalla sensibilità dei docenti che hanno scelto di affrontare, fin dalla tenera età, le tematiche più importanti per i giovani.

 

Ravenna, attivo il Centro di ascolto della Croce Rossa Italiana

14/03/2017

L’assessora Morigi: “Un presidio in più a sostegno del bisogno sociale”

E’ attivo da marzo il Centro di Ascolto della Croce Rossa Italiana, comitato di Ravenna, grazie al supporto finanziario della Fondazione Del Monte e con il patrocinio del Comune di Ravenna - assessorato al Bilancio, partecipazione, servizi sociali, casa, politiche giovanili, immigrazione. 

 

Il Centro, che garantirà assistenza gratuita, prevede due giornate di apertura settimanali: lunedì dalle 10 alle 12 e martedì dalle 16 alle 18 nella sede di via Guaccimanni 19. Per informazioni e contatti telefonare al 338/7235716 o scrivere all’indirizzo mail sociale@criravenna.it

 

“Il Centro di ascolto si inserisce a pieno titolo tra i servizi di sostegno già attivi sul territorio – afferma l’assessora Valentina Morigi – e costituisce un ulteriore presidio utile a mappare e contrastare il disagio sociale. Si tratta di un ulteriore passo in avanti nel rafforzamento della rete di supporto a favore di chi è in difficoltà e amplia le sinergie che l’amministrazione comunale intrattiene e sviluppa con le associazioni di volontariato operative in città. Alla Croce rossa italiana, insieme all’auspicio di una proficua collaborazione, va pertanto il mio più sentito ringraziamento”.

 

All’interno del Centro di Ascolto operano diverse figure: la responsabile del progetto Daniela Coco, psicologa psicoterapeuta e gli Operatori sociali e psicosociali della Croce Rossa, a supporto delle attività del Centro, previa formazione specialistica. Nel corso dei prossimi mesi sarà disponibile anche il servizio RFL, Restoring Family Links, rivolto alla popolazione migrante per il ricongiungimento familiare: operatori qualificati C.R.I., formati secondo Linee Guida Internazionali, opereranno a stretto contatto con il Centro di Ascolto per garantire un servizio di eccellenza.

 

Offrire questa tipologia di servizi comporta un impiego di risorse umane importante, ma dimostra quanto i bisogni della comunità siano al centro dell’operato dell’associazione che intende relazionarsi con tutte le altre realtà presenti sul territorio per garantire un servizio sempre più puntuale, tenendo conto delle esigenze effettive manifestate dalla popolazione.

 

Spegnimento luci di Natale

23/12/2016

Anche il Comitato CRI Ravenna ha sottoscritto l'iniziativa al fine di ricordare le vittime di tutti i conflitti, le quali trovano tutela nel Diritto Internazionale Umanitario, spesso dimenticato. Sottoscriviamo affinché la sensibilità di tutti si rafforzi e sempre piu persone si dedichino attivamente alle azioni, concrete, che possono migliorare la sorte di coloro che, in piena violazione delle leggi di guerra, sono vittime dei conflitti armati.

Il ravennate Massimo Cavallone nuovo segretario regionale della Croce Rossa Italiana

10/12/2016

E’ di Ravenna il nuovo Segretario Regionale Emilia Romagna della Croce Rossa Italiana, Massimo Cavallone, classe ’66, laureato in giurisprudenza e specializzato in Diritto Amministrativo e Diritto Militare, ha frequentato diversi corsi di perfezionamento ed ha al suo attivo anche un Master in Privacy Office e Consulente Privacy.

Dal febbraio del 2006 fa parte del Corpo Militare della Croce Rossa Italiana e negli undici anni di servizio ha ricoperto numerosi e prestigiosi incarichi di responsabilità, fra cui spiccano quello di Responsabile della Mobilitazione del Personale Militare e Capo Ufficio Segreteria per la provincia di Ravenna, incarico ricoperto dal maggio 2010 al marzo 2012, quello di Capo Sezione Affari Giuridici c/o il Comando del VI Centro di Mobilitazione Emilia Romagna dal marzo 2012 al luglio 2016; Presidente dell’Ufficio Elettorale Regionale Emilia Romagna da novembre 2012 a marzo 2013; Referente dell’Ufficio Disciplina soci c/o Comitato Regionale Emilia Romagna dal novembre 2013 al novembre 2015.

Infine, Commissario del Comitato C.R.I. di Ravenna dal Gennaio 2014 fino a qualche giorno fa. Attualmente il Dott.Cavallone vede affiancarsi al suo attuale ruolo di Referente Provinciale della Croce Rossa di Ravenna il prestigioso incarico di Segretario del Comitato Regionale dell’Emilia Romagna.

Il ruolo di Segretario Regionale per l’Emilia Romagna è stato assegnato dopo un duro iter di selezione nazionale avvenuto a Roma durante il mese di Novembre, che ha coinvolto numerosi professionisti provenienti da ogni parte d’Italia.

 

Il Segretario Regionale sarà responsabile della gestione del Comitato Regionale della Croce Rossa dell’Emilia Romagna, attraverso l’esecuzione delle direttive del Presidente Regionale e del Consiglio Direttivo Regionale e risponde del suo operato direttamente al Segretario Generale dell’Associazione.